I nostri servizi

Sanità Integrativa

(Fondi Sanitari, Casse di Assistenza, Società di Mutuo Soccorso, etc.)

Le attività di consulenza per la costituzione, l’avviamento strategico e la gestione direzionale di un nuovo Ente si concretizzano nel fornire, all’Organo Amministrativo e Direzionale, il supporto utile per favorire il corretto ed efficace avviamento operativo dell’Ente stesso ed una metodologia consolidata per l’implementazione dei necessari presidi gestionali e di controllo.

Tale attività prevede una preliminare mappatura dei principali rischi cui è esposto l’Ente, partendo dall’analisi delle sue peculiarità organizzative, gestionali e di governance. I servizi di supporto alla Funzione Risk Management favoriscono l’efficace implementazione dei presidi di controllo sulle diverse tipologie di rischio (economico, finanziario, operativo, normativo, etc.) ed il monitoraggio costante dei KPI considerati strategici.

L’attività in esame è finalizzata a supportare, ex-ante ed ex-post, l’Organo Amministrativo e Direzionale dell’Ente nella configurazione dei processi operativi al fine di prevenire/gestire il rischio di incorrere in sanzioni, perdite economiche o danni di reputazione in conseguenza di violazioni di norme legislative, regolamentari o di autoregolamentazione (rischi di non conformità e reputazionale).

Le attività di consulenza e di supporto per la definizione/aggiornamento dei Piani Sanitari delle Forme di Assistenza Sanitaria Integrativa sono finalizzate a fornire all’Organo Amministrativo e Direzionale l’ausilio necessario per la valutazione di adeguatezza delle coperture in essere e per la predisposizione e/o aggiornamento dei Piani Sanitari idonei a soddisfare i fabbisogni della platea di riferimento.

Le attività di consulenza riguardano il supporto per lo svolgimento delle complessive procedure di Beauty Contest e/o bandi di gara per la selezione delle diverse categorie di Outsourcer (TPA, gestore assicurativo, studi attuariali, software-house, network di strutture sanitarie convenzionate, etc.) delle Forme di Assistenza Sanitaria Integrativa.

L’attività di consulenza per la definizione dell’assetto organizzativo ottimale di una Forma di Assistenza Sanitaria Integrativa consiste nel supportare l’Organo Amministrativo dell’ente nell’individuazione del modello operativo, con riferimento a:

  • la gestione dei rischi sanitari (modalità di copertura dei rischi): autogestito, assicurato o misto;
  • la gestione della rete di convenzionamenti con il network di strutture sanitarie (di proprietà o di terzi);
  • la gestione amministrativo-contabile (modalità di svolgimento dei processi di adesione, contribuzione, rimborso, contabilità): in regime di insourcing, outsourcing o misto;
  • la gestione economico-finanziaria (modalità di impiego delle risorse finanziarie disponibili).

L’attività di Due Diligence delle norme statutarie, regolamentari e dei processi dell’Ente risulta finalizzata a formulare un giudizio complessivo sul livello di adeguatezza della forma di assistenza sanitaria integrativa ed eventualmente ad individuare gli ambiti ordinamentali nonché le aree organizzative e operative che necessitano di interventi di adeguamento.

Previdenza Complementare (Fondi Pensione)

Le attività in esame hanno quale principale obiettivo quello di supportare il Fondo Pensione nelle fasi di pianificazione ed attuazione del percorso di adeguamento dello stesso alla Direttiva IORP II ed in particolare alle nuove previsioni contenute nel D. Lgs. n.147/2018 oltre che dagli orientamenti ed indicazioni forniti dalla Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione (Covip).

Tale attività prevede una preliminare mappatura dei principali rischi cui è esposto l’Ente, partendo dall’analisi delle sue peculiarità organizzative, gestionali e di governance. I servizi di supporto alla Funzione Risk Management favoriscono l’efficace implementazione dei presidi di controllo sulle diverse tipologie di rischio (economico, finanziario, operativo, normativo, etc.) ed il monitoraggio costante dei KPI considerati strategici.

L’attività in esame è finalizzata a supportare, ex-ante ed ex-post, l’Organo Amministrativo e Direzionale dell’Ente nella configurazione dei processi operativi al fine di prevenire/gestire il rischio di incorrere in sanzioni, perdite economiche o danni di reputazione in conseguenza di violazioni di norme legislative, regolamentari o di autoregolamentazione (rischi di non conformità e reputazionale).

La funzione di compliance è preordinata a supportare ex-ante ed ex-post l’organo amministrativo del Fondo pensione nella configurazione dei processi operativi al fine di prevenire/gestire il rischio di incorrere in sanzioni, perdite economiche o danni di reputazione in conseguenza di violazioni di norme legislative, regolamentari o di autoregolamentazione (rischi di non conformità e reputazionale). I servizi di compliance tendono quindi a favorire la conformità del Fondo pensione rispetto alle norme di settore ed alla regolamentazione interna.

Il modello di Gestione Direzionale Integrata ha quale principale obiettivo quello di supportare l’Organo Amministrativo del Fondo Pensione Preesistente nell’implementazione dei presidi direzionali e di controllo necessari a garantire una buona governance del Fondo.

Tale obiettivo viene realizzato grazie ad una struttura operativa fortemente specializzata oltre al presidio delle Funzioni Legal e Compliance che Italian Welfare mette a disposizione del Fondo Pensione Preesistente.

Il modello della Gestione Direzionale Integrata consente di garantire al Fondo Pensione un alto livello di qualità dei servizi gestionali, a fronte di costi proporzionalmente contenuti, grazie alle economie di scala e alla grande specializzazione maturata dai professionisti della Società.

Welfare Design

Le attività di advisoring comprendono la valutazione di adeguatezza del modello di welfare adottato ( a livello aziendale e di gruppo), la definizione degli ulteriori eventuali fabbisogni target della platea di riferimento e l’individuazione degli strumenti/servizi più idonei a garantire il soddisfacimento di tali fabbisogni.

Privacy

I servizi di consulenza sono finalizzati all’adeguamento degli Enti al GDPR e alla normativa in tema di trattamento dei dati personali, effettuando attività di compliance, analisi dei processi, redazione della privacy policy, aggiornamento del registro dei trattamenti e supporto all’adeguamento dei contratti, degli atti e della modulistica.

Terzo Settore

L’attività è finalizzata a supportare l’Ente nell’adeguamento alle disposizioni introdotte con il Codice del Terzo Settore e nella definizione degli assetti gestionali e di controllo idonei finalizzati a garantire, nel contempo, un sistema di governance efficace ed il raggiungimento degli obiettivi sociali e statutari.

Clinical Risk Management

Le attività di advisoring relative alla gestione del rischio clinico sono finalizzate a supportare la struttura sanitaria nel processo di implementazione/rafforzamento della Funzione di Clinical Risk Management, con l’obiettivo di garantire una corretta identificazione, analisi e controllo dei rischi, potenziali e reali, di varia natura (clinici, amministrativi e organizzativi).

L’obiettivo ultimo è assicurare al management della struttura i presidi organizzativi necessari per il miglioramento continuo della qualità delle prestazioni sanitarie erogate e per lo sviluppo di protocolli clinici sicuri ed efficienti.

Le attività di supporto in tale ambito consistono:

  • nell’analisi dell’attuale assetto organizzativo/operativo e valutazione dell’esposizione al rischio clinico;
  • nell’attivazione di un sistema di monitoraggio dei processi interni;
  • nell’impostazione e nell’applicazione di misure di prevenzione;
  • nella verifica delle azioni di miglioramento e di contenimento dei rischi avversi;
  • nell’analisi ed ottimizzazione delle eventuali coperture assicurative relative ai rischi da responsabilità delle strutture e degli operatori sanitari.